La politica e i comizi

Momenti di panico ieri sera nella via libertà, dove i tre sfidanti al trono si sono prestati a tre spettacolini differenti esibendo le loro carte migliori. Il primo comizio è stato particolarmente divertente, in quanto "l’accozzaglia della lista Santoro" , si è lanciata in innumerevoli escursus mirati alla ricerca di nuove espressioni linguistiche italiane, sperimentando sul campo l’uso di preposizioni nelle espressioni linguistiche più disparate. Molto interessante il programma presentato: "Valenti e Viola sono inopportuni!!, Mangiaracina è uno scempio!!", e le critiche agli altri candidati perchè al posto di presentare il loro programma non facevano altro che insultarsi a vicenda. La gente vuole le prove dal prof. Portolano? bene, basta un semplice ortodosso lancio in pasto al pubblico della fotocopia contenente le prove dell’esistenza di un progetto, come da galateo. Al turno dell’avversario Valenti, ecco quello che tutti aspettavamo, il ritorno in patria di un nostro compaesano famoso ormai, non per uomini e donne, ma per la presenza al programma "Anno Zero" di un altro Santoro. Buona la prima e parte l’improvvisazione, seguita poi da un carico di insulti in perfetto stile margheritaro. illazioni pure: "Non parlerò delle malefatte della giunta uscente….[…]..La legalità e Mangiaracina non si sono mai incontrati.." ora ci si deve decidere, o si rispetta quello che si dice, oppure basta dire sul palco: "Signori e Signore, sto per sparare a bruciapelo su Giorgio…", ho visto inneggiare il compaesano vip Benny ad un’innovazione giovanile, che purtroppo non ho visto in un discorso non improntato al programma nuovo del suo ideale da innovatore di sinistra ( se non in una piccola citazione :"Abbiamo pochi punti da portare avanti solo 3 o 4…che riguardano degli spazi per i giovani…" FINE), l’innovazione che purtroppo non sono riuscito a cogliere in un discorso che è scaduto nel solito disfattismo politico che di innovativo non ha nulla. Di innovativo mi aspettavo anche un discorso sulle proposte del movimento, non un innovativa serie di insulti per Mangiaracina che aveva già querelato lo stesso Benny per una serie di calunnie simili. Sul blog del movimento mi è stato insegnato che non si può dar del ladro a nessuno se non è stato condannato… io l’ho fatto in un piccolo commento preso da un impeto d’ira, il nostro caro vip lo ha fatto davanti ad una piazza gremita, poco e niente di sinistra nelle tue parole. Il discorso era cominciato in maniera interessante ed è scaduto nel solito sparare alla cieca farcito con espressioni linguistiche degne di uno studente universitario, molte espressioni non sono state comprese dai poveri Santoriani che hanno cercato di farlo capire con fischi e urla, ma niente da fare, il caos regnava sovrano, si sono costituiti autonomamente cori da stadio con insulti pesanti, e il discorso si è concluso con la solita ironia mista all’insulto a cui ormai i poveri altri candidati si sono abituati. L’intervento successivo del capoccia del movimento Rocco Scaturro si è distinto perchè è stato l’unico a unire agli insulti (devo ammetterlo molto più soft dei precedenti) un piccolo scorcio della vita del movimento pre-elezioni anche se ha errato a dire che è la prima volta che un gruppo di giovani si alleano… basta chiedere al padre del movimentato Benny Calasanzio della sua prima elezione… non credo potesse avere 50 anni quindi era un giovane, come tutti quei compagni che lo hanno aiutato a salire al consiglio. comunque il passato è sicuramente passato, ma chi cerca il futuro nel passato è solo uno "senza palle"(cito il consigliere provinciale Di Paola nell’espressione poco ortodossa ma che ben esprime il concetto). E chi cerca il futuro nel passato? I poveri mangiaraciniani (come vengono definiti ora), che pur avendo giustificato tutte le loro "malefatte", come in molti definiscono gli aumenti di tasse, hanno constatato che molti elettori si sono dileguati, come i radi coriandoli che sparavano in aria dai costosi cannoni. La lezione di storia del senatore mannino per molti è stata motivo di questione, molti si domandavano "E che centra con Santa Margherita?", la stessa cosa che mi domandavo io mentre udivo stupefatto i cori da stadio che si creavano tra le urla, gli insulti le frecciate reciproche lanciatesi dai tre candidati. Di seguito un video mio caricato su youtube…

Annunci

Un pensiero su “La politica e i comizi

  1. Allucinante il video. Sembra Antonio Albanese. Mancava soltanto ke dicesse kiù pilu pi tutti!!!! Cmq vicè la politica fa tutta skifo. Quindi è inutile che uno pensa di poter cambiare le cose, xkè nel momento in cui sale al potere, diventa parte del sistema. Alla fine vincono gli amici e i parenti di chi sale al potere, (ke si impiegano nei  lavori publici) e rimangono col posto fisso anche quando l\’amico o il parente, non fà + parte del potere.(ogni riperimento a persone è puramente casuale)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...